Polakka

Polakka

Originale

Di un dolce se ne assapori prima la storia poi……..tutto il resto.

 

_DSC6032

La Torta Polacca è oggi conosciuta come il dolce tipico di Aversa, città campana fondata dai Normanni nell’XI secolo.

Attribuirne la paternità è certamente difficile. Ricerche e testimonianze orali ci portano ad affermare che questo dolce tradizionale era d’uso già a metà ’800 in un territorio che comprendeva i fiumi Garigliano e Volturno.

 

1912. Donne in abiti tradizionali

Ricordi personali di nonne , nate a inizio secolo, affiorano con questo dolce battezzato con il nome proprio di “Pizza Doce”. Preparato con semplici ingredienti era capace di incantare tutti noi bambini nei giorni di festa. 

rito-religioso
Processione religiosa

 

La “Pizza Doce” veniva servita sulle tavole dei contadini di ritorno dai campi di grano. Era fine giugno, le amarene, ingrediente essenziale del dolce, raggiungevano la piena maturazione.

amarena

salvietti-di-lino-originali-dell800
Teli di lino. Inizio ‘900

Gli ingredienti utilizzati a quei tempi erano la farina molita a pietra, le uova fresche, il latte e la sugna. Tutti di produzione propria, ad eccezione dello zucchero sfuso di taglio grossolano da sembrare pezzi di cristallo. Quest’ultimo si acquistava in piccole botteghe o farmacie e veniva confezionato nei “salvietti”, teli di lino usati per il trasporto a casa. Allora non esistevano ancora gli imballaggi alimentari.

Realizzazione

Inizialmente si preparava l’ impasto, da cui si traevano due dischi per foderare uno stampo di rame stagnato, e in seguito la “crema gialla” per il ripieno . L’aggiunta di amarene fresche o candite completavano la farcitura.

La cottura avveniva in forni a legna, quasi sempre d’uso comune, dopo aver sfornato le pagnotte di pane. Ci si avvaleva di un foglio di carta bagnato adagiato sulla parte superiore del prodotto per evitarne la bruciatura.

Oggi “La Doriana®”, la nostra Torta Polakka preparata artigianalmente, è frutto di una personale interpretazione di questo antico dolce campano.

Un perfetto connubio tra una delicata crema pasticcera e l’inimitabile gusto amarognolo donato da un frutto saporito e generoso quale l’ amarena.

 

Buon

Viaggio